L’estate in montagna inizia in Alto Adige! 

Dopo mesi di lockdown, il trend delle vacanze estive e quello di immergersi nella natura.

C’è tanta voglia di libertà, di stare all’aperto, di aria fresca e pura. La forza rigenerante della montagna e della natura ci donano quelle sensazioni di libertà, bellezza e freschezza che abbiamo un po’ perso per via della pandemia.

L’ Alto Adige tra cime dolomitiche, ampie vallate e vigneti offre tantissime possibilità per fare escursioni per ritrovare il benessere psico-fisico e itinerari a contatto con la  natura.

Ecco le nuove proposte delle località altoatesine.

 Benessere e proposte all’insegna della lentezza.

Ph. via

Benessere inteso come rigenerazione e rinascita non solo del corpo ma anche della mente. Così in Alto Adige, numerose sono le esperienze che si orientano verso questa direzione e che puntano a ristabilire l’armonia e l’equilibrio psico-fisico. Merano ad esempio, con il programma Merano Vitae, propone una serie di attività per “stare bene”. Tra queste, Early Bird, la sveglia mattutina che, in compagnia di un esperto, offre la possibilità di fare lunghe passeggiate alla scoperta della città culla del benessere.

Alpe di Siusi

Ph via

Anche all’Alpe di Siusi il benessere è di casa con il nuovo programma Alpe di Siusi Balance che, con una serie di eventi settimanali, permette di fare il pieno di energie grazie agli elementi della natura.

Tra le proposte, il bagno alpino nel bosco organizzato, fino al 29 giugno, nei pressi della foresta che circonda il paese di Fiè allo Sciliar; oppure, la pratica all’aperto degli esercizi benefici per la salute psico-fisica conosciuti anche come “i cinque tibetani”, in programma a Castelrotto fino all’1 luglio.

Valle Aurina

Copyright: IDM Alto Adige Hansi Heckmair

Anche la Valle Aurina punta a un’estate all’insegna del wellness con MindfulMountainDays, un programma che invita a ritrovare la giusta consapevolezza del proprio corpo e della propria mente attraverso l’ausilio di esperti. Tra le esperienze, escursioni con meditazione finale e yoga all’aperto.

Val di Funes

In Val di Funes, la lentezza e il relax sono di casa da sempre. La valle è infatti perfetta per fare lunghe passeggiate in sella a una e-bike godendo dei benefici della mobilità elettrica. Tra i tour da non perdere, quello che porta fino alla malga Geisler, situata in un luogo incantato tra prati e boschi, ai piedi delle Odle. Per ricaricare la propria e-bike è possibile approfittare delle ben 15 stazioni di ricarica presenti lungo tutta la valle.

Divertimento e proposte active per tutti i gusti.

In Val Gardena, il paesaggio inizia a mostrare i primi segni della nuova stagione a partire da metà di maggio. Per ammirare da vicino la natura che cambia sono consigliate le proposte Secret Dolomites tra le quali, l’escursione che porta fino al misterioso “Lech de Ciampedel”, il lago visibile solo per poche settimane all’anno; oppure il cosiddetto sentiero della Posta che passa attraverso fitti boschi e grandi distese prative.

Combinazione tra arte e natura invece in Val Badia, dove artisti provenienti da tutto il mondo partecipano alla quinta edizione di Smach, la mostra all’aperto che, ogni due anni, si tiene proprio in questo luogo straordinario. Tutte le loro opere possono essere ammirate, dal 10 luglio fino al 12 settembre 2021, grazie a un suggestivo itinerario circolare che può anche essere suddiviso in più giorni per restare nella natura incontaminata, lontani dal caos cittadino, pernottando nei rifugi vicini.

I parchi naturali.

Anche i parchi naturali dell’Alto Adige si prestano per una vacanza active. Sia adulti che famiglie con bambini possono infatti trovare in queste immense distese naturali percorsi e proposte diverse a seconda delle loro esigenze. Il Parco Nazionale dello Stelvio è consigliato per chi cerca sentieri tematici.

Parco Nazione dello Stelvio Copyright: IDM Alto Adige Helmuth Rier

Un esempio è il sentiero del contadino di montagna, lungo circa 7 km, che si sviluppa nei pressi della Val Martello, nella frazione Waldberg, e che permette di fare visita ad alcune aziende agricole e osservare da vicino la quotidianità dei contadini.

Nel Parco Naturale Gruppo di Tessa via libera invece ad appassionati di sport estremi. È qui infatti che, con l’arrivo dell’estate, viene aperta la nuova Via Ferrata Ziel. Per iniziare l’avventura adatta anche alle famiglie, dalla stazione a monte della funivia Texel, basta seguire i segnavia rossi e gli ometti che ne indicano l’inizio.

Parcines Parco Naturale Gruppo di Tessa Copyright: IDM Alto Adige Helmuth Rier

Sempre poco fuori il Parco Naturale, si sviluppa un altro percorso alpinistico con difficoltà media. Una novità della stagione che, nel giro di 3 Km circa, promette di ammirare, in tutta la sua interezza, la cascata di Parcines, la più grande dell’Alto Adige.

Tra i parchi naturali si annoverano anche il Parco Naturale Tre Cime e il Parco Naturale Fanes-Senes-Braies, ampie distese ricche di vegetazione dove è situata anche Dobbiaco e l’aerea dolomitica delle Tre Cime. Ed è proprio a Dobbiaco che gli amanti della natura possono scegliere tra diversi percorsi. Tra questi, l’Alta Via di Dobbiaco è consigliata per escursionisti esperti. Lunga circa 28 km può anche essere percorsa facendo tappa al Rifugio Bonner o al nuovissimo Rifugio Marchhütte, recuperato da una vecchia struttura di caserme e oggi meta di molti sportivi. 

Parco Naturale Monte Corno Ufficio Natura

 

Ricco di vegetazione è sicuramente anche il Parco Naturale del Monte Corno, la riserva naturale che vanta la flora e la fauna più ampia della specie grazie ad un clima molto vario: da quello più aspro a nord fino a quello più mediterraneo e mite a sud. Per addentrarsi e conoscerne da vicino le caratteristiche, suggerita è la Passeggiata Casignano che, lungo i suoi 4,5 km di lunghezze, descrive attraverso alcuni panelli informativi le specie di conifere altoatesine e quelle autoctone.

Proposte per i più piccoli sono invece quelle di Colle Isarco e dell’Altopiano del Salto, tra Bolzano e Merano. A Colle Isarco, le famiglie accompagnate possono infatti approfittare della novità estiva e fare finalmente la conoscenza di Gossy e Gschnitzy, due simpatiche gocce d’acqua che raccontano la storia dell’acqua attraverso un sentiero tematico in Val di Fleres. Lungo circa 16 km, il percorso passa attraverso il bellissimo boschetto Portjoch fino a raggiungere la celebre Cascata Inferno.

A Meltina invece – sull’Altopiano del Salto – grandi e bambini possono avventurarsi nel nuovo percorso tematico “Köfele” che, con i suoi 6 km, invita a giocare e a divertirsi. Lungo il sentiero, la vera chicca è il parco giochi Salonetto, un vero paradiso per i più piccoli.

Infine, montagna in Alto Adige fa rima con il progetto Dolomiti Accessibili – promosso dalla Fondazione Dolomiti UNESCO e da enti territoriali – che segnala i sentieri adatti a chi ha difficoltà motorie.

Nel Parco Puez-Odle c’è ad esempio il Sentiero Naturale Zannes che, con i suoi 3 km circa di lunghezza, permette di ammirare da vicino l’evoluzione geologica del luogo; oppure il percorso La Villa – Corvara che si sviluppa nel fondovalle della Val Badia e attraversa diverse tipologie di paesaggio, dal bosco ad ampie distese di prati verdi.

Parco naturale Puez-Odle
Copyright: IDM Alto Adige_Alex Filz

Un classico è l’itinerario che si sviluppa a Prato Piazza che stupisce sia per il suo panorama che per la ricchezza floristica delle praterie ad alta quota. Anche fra Nova Levante e Tires, è percorribile un altro sentiero Passo Nigra che attraversa un altro grande altopiano, impreziosito da ampie distese di abeti e grandi radure pascolive.

Prati d’alta montagna al Passo Gardena
Val Gardena Copyright: IDM Alto Adige_Alex Filz

Buona montagna!

#momentidiluce

Ti è piaciuto questo post?

Condividilo sui tuoi canali social usando uno dei tasti qui sotto e seguimi su Instagram, Facebook Pinterest.

Informazioni via Alto Adige da vivere

Immagine in evidenza Prati d’alta montagna al Passo Gardena   

Copyright: IDM Alto Adige_Alex Filz

 

 

0
 

Inoltre vi consiglio di leggere...

2 comments

Rispondi

Bellissimo articolo personale e scritto con il cuore dal quale trarre spunti per questa estate. Grazie Roberta mi è piaciuto moltissimo sopratutto l’ idea del sentiero in val di Fleres. Lory

 
Rispondi

Grazie mille a te Loredana.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. Required fields are marked *