Oggi Babette nella sua rubrica di cucina ci da dei suggerimenti per cucinare contribuendo a ridurre il più possibile lo spreco alimentare tutelando non solo l’ambiente che ci circonda, ma anche la nostra salute e il nostro portafoglio.

Le feste natalizie sono finite e, seppur a malincuore, non ci resta che riporre diligentemente addobbi e decorazioni che hanno rallegrato le nostre case nelle  scorse settimane, per  ritornare ad una  quotidianità un po’ più “sobria”  fino alle prossime celebrazioni carnevalesche.

Dopo un lungo periodo di festeggiamenti soprattutto a tavola, dove non ci siamo fatti mancare nulla di tutto quello che le consuetudini alimentari prevedono durante queste ricorrenze, ci ritroviamo con diversi cibi che, avanzati per la troppa abbondanza, rischiamo di veder finire nella spazzatura dopo aver gironzolato invano per i vari ripiani dei nostri frigoriferi.

Ho pensato pertanto, di proporvi qualche idea per realizzare dei piatti appetitosi, veloci ed economici, peraltro presenti in gran parte delle nostre tradizioni culinarie, riutilizzando tutto ciò che non é stato consumato durante i nostri lauti pasti natalizi.

Un tempo questa sana abitudine, che vi esorto ad adottare nella vostra quotidianità, faceva parte delle usanze di tutte le famiglie non solo per motivi economici, ma perché non sprecare ciò che si metteva in tavola era un valore imprescindibile insito nella stragrande maggioranza delle persone appartenenti a tutti i ceti sociali.

Il rispetto per il cibo equivale al rispetto della vita stessa.

Un principio etico che dovremmo tutti osservare con diligenza per onorare l’ambiente nel quale siamo generosamente ospitati, per ricordarci di chi é meno fortunato di noi e per dimostrare la nostra gratitudine nei confronti dell’Universo rendendo così manifesta la nostra riconoscenza per tutto ciò che ininterrottamente ci dona in ogni momento della nostra esistenza.

 

“ Chi spreca il cibo spreca la vita “

La vostra Babette.

i-suggerimenti-di-babette-per-cucinare-senza-sprechi

Un Classico “avanzino” da trasformare in un delizioso piatto é la carne reduce da brodi o arrosti forse troppo abbondanti.

Eccovi due esempi veloci e gustosi.

Ph via
Ph via

 

Carne lessata marinata

carne lessata – erbe aromatiche fresche miste a piacere come rosmarino, salvia, timo, maggiorana, dragoncello, prezzemolo, basilico erba cipollina – senape 1 cucchiaio – 2 cucchiai  di aceto bianco di vino o di mele – due cucchiai di aceto balsamico –  2 cucchiai capperi sotto sale lavati – 2 cucchiai di sottaceti misti  – 2 cucchiai di cipolline sott’aceto – olio evo – sale e pepe – qualche cucchiaio di brodo.

Tagliate  a fettine o a sfilacci la carne e mettetela in una pirofila di vetro o di ceramica. Tritate le erbe aromatiche i capperi e i sottaceti. Emulsionate l’olio, i due tipi di aceto, la senape e un paio di cucchiai di brodo. A

Alla fine di questa operazione aggiungete il trito precedente.

Condite  la carne con questo composto e coprite con altro olio evo. Conservare in frigorifero. Marinare qualche ora al fresco. Prima di servire togliete la carne dal frigorifero il tempo necessario affinché l’olio ritorni fluido e la carne a temperatura ambiente.

Pollo in salsa allo yogurt

Pollo arrosto o lessato  – maionese – yogurt intero neutro e cremoso – senape – curry in polvere o altra spezia a piacere come paprika , zafferano ecc. – cetrioli in agrodolce – prezzemolo ed erba cipollina- sale pepe. Olio evo.

Le dosi sceglietele secondo il vostro gusto ma soprattutto in base alla quantità di carne a disposizione.

Disossate ( se necessario..) il pollo , tagliatelo a listerelle e disponetele in una pirofila. In una scodella mescolate la senape con la maionese, lo yogurt le spezie, le erbe aromatiche e un po’ di olio evo. Aggiustate di sale e pepe.

Spalmate con cura questa salsa sulla carne e decorate con i cetriolini tagliati a rondelle. Fate insaporire un paio d’ore in frigorifero coperto con della pellicola alimentare.

 

Ph via
Ph via

Ed ora un paio di idee per recuperare il pane che sicuramente abbiamo avanzato e che possiamo trasformare in un primo piatto ed una dolcezza che sicuramente ripeterete con grande successo.

Gnocchi di pane

200 gr. di pane raffermo, anche di tipi diversi – 3 bicchieri di latte – 40/50 gr. di Parmigiano Reggiano grattugiato – 80/100 gr. di farina – 1 uovo – sale q.b. – pepe nero q.b.

In una scodella capiente tagliate il pane raffermo a pezzetti, immergetelo nel latte e fatelo ammorbidire bene.

Strizzatelo  con le mani per eliminare l’eventuale latte in eccesso.
Aggiungere la farina ( per la dose regolatevi in base alla consistenza), il Parmigiano Reggiano, l’uovo, il sale, il pepe e impastate con cura.
Una volta ottenuto un impasto facilmente lavorabile e modellabile, formare tanti filoncini di circa 2 cm. di spessore e tagliarli a tocchetti sistemateli su un vassoio infarinato e fate riposare un quarto d’ora.
Cuocere gli gnocchi di pane raffermo in abbondante acqua salata scolandoli, con l’aiuto di una schiumarola, circa due minuti dopo il loro riaffioro a galla.
Condire gli gnocchi di pane raffermo con il sugo desiderato ( es: burro, salvia e parmigiano o una buona salsa al pomodoro e  basilico) e servire subito in tavola.

Sono ottimi anche in brodo.

Torta di pane al cioccolato della maestra di cucina Vally Gasparini

300 gr. di pane secco tagliato a pezzetti e passato al mixer – 800 gr di latte bollente – 250 gr di zucchero –   200 g cioccolato fondente sciolto a Bagno Maria – 100 g di burro morbido – 120 gr di farina di mandorle – 5 uova – pan grattato – sale

Per servire zucchero al velo e panna montata.

Ph via
Ph via

Mettete il pane ad ammorbidire nel latte . Lavorate i tuorli con lo zucchero. Quando il composto sarà soffice unite il burro morbido.

Mescolarlo al pane, la farina di mandorle, il cioccolato sciolto, gli albumi montati a neve con  un pizzico di sale.

Imburrate e panate uno stampo da 28 cm, versateci il composto e cospargete  la superficie con un po’ di pane grattugiato. Cuocete in forno per 60 minuti a 180°.

La torta si serve spolverizzata di zucchero al velo ed accompagnata con  panna montata .

Una vera bontà!

Per altre idee consultate il Il quaderno della cucina senza Sprechi Kellermann Edizioni

thumbnail_quaderno-cucina-senza-sprechi

 

Inoltre vi consiglio di leggere...

2 comments

Rispondi

Stavo giusto pensando stamattina… che l’Epifania tutte le feste porta via, ma gli avanzi rimangono nel frigo e in dispensa! Questa sarà una settimana di smaltimento per molte persone! Grazie delle idee!

 
Rispondi

Grazie a te per la visita e auguri di felice anno nuovo.

 

Rispondi a vitaincasa il lato rosa Annulla risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. Required fields are marked *